Ristorante Saint Georges Premier
Parco di Monza Viale di Vedano, 7

Saint-george-premier-logo-beige-100px

Come organizzare il battesimo indimenticabile del tuo bambino: la guida pratica

Come organizzare il battesimo indimenticabile del tuo bambino: guida pratica

Tabella dei Contenuti

Il battesimo è il primo dei sette sacramenti della religione cristiana, che segna l’ingresso del bambino nella Chiesa e nella comunità dei fedeli.

È un momento di gioia e di festa, ma anche di impegno e di responsabilità.

Come organizzare al meglio il battesimo del tuo bambino? Quali sono i passi da seguire, i simboli da conoscere, le scelte da fare?

In questa guida pratica, ti daremo alcuni consigli utili per rendere il battesimo del tuo bambino un’esperienza indimenticabile.

Preparare il battesimo in parrocchia

Il primo passo da fare è contattare la parrocchia in cui si vuole celebrare il battesimo e fissare la data e l’orario della cerimonia.

Di solito, il battesimo si celebra la domenica, dopo la messa, ma è possibile concordare con il parroco altre opzioni. È bene prenotare il battesimo con almeno due mesi di anticipo, per avere il tempo di preparare tutto il necessario.

Prima del battesimo, i genitori e i padrini devono partecipare a un corso di preparazione, in cui si approfondisce il significato e l’importanza di questo sacramento.

Il corso si svolge in parrocchia, in uno o più incontri, a seconda delle modalità stabilite dal parroco. Durante il corso, si ricevono anche le indicazioni pratiche per la celebrazione, come la scelta delle letture, dei canti, delle offerte e dei gesti simbolici.

Scegliere i padrini

I padrini sono le persone che accompagnano il bambino nel suo cammino di fede e che si impegnano a sostenerlo e a educarlo secondo i principi cristiani.

La scelta dei padrini è molto importante e deve essere fatta con cura e discernimento. I requisiti per essere padrini sono:

  • essere battezzati, cresimati e praticanti
  • avere almeno 16 anni
  • non essere i genitori del bambino
  • non essere in situazioni di vita contrarie al Vangelo

Si può scegliere un solo padrino o una sola madrina, oppure una coppia di padrini, preferibilmente di sesso diverso. I padrini devono presentare il certificato di battesimo e di cresima, e una dichiarazione del proprio parroco che attesti la loro idoneità.

Preparare il vestito e gli accessori

Il vestito del battesimo è un elemento tradizionale e simbolico, che rappresenta la purezza e la novità di vita del bambino.

Di solito, il vestito è di colore bianco o avorio, e può essere arricchito da pizzi, ricami, fiocchi o altri dettagli. Il vestito può essere acquistato, prestato o ereditato da altri membri della famiglia, a seconda delle preferenze e delle possibilità.

Oltre al vestito, ci sono altri accessori che servono per il battesimo, come:

  • la candela, che simboleggia la luce di Cristo che illumina il bambino e che viene accesa dal cero pasquale durante la cerimonia;
  • il cappello o il fazzoletto, che copre la testa del bambino dopo l’unzione con il crisma, per indicare la sua consacrazione a Dio;
  • la stola o il nastro, che viene posto sul collo o sulla spalla del bambino dopo il battesimo, per segnare la sua appartenenza alla Chiesa;
  • il medaglione o la croce, che viene appeso al collo o alla stola del bambino, per testimoniare la sua fede in Gesù.

Questi accessori possono essere acquistati o realizzati a mano, e possono essere personalizzati con il nome, la data o altre decorazioni.

Organizzare il ricevimento

Dopo la cerimonia in chiesa, è consuetudine organizzare un ricevimento per festeggiare il battesimo con i parenti e gli amici.

Il ricevimento può essere più o meno formale, a seconda del gusto e del budget dei genitori. Si può optare per un pranzo o una cena in un ristorante, in una sala, in un agriturismo o in un altro luogo adatto, oppure per un buffet o un aperitivo in casa o in giardino.

Per il ricevimento, bisogna pensare al menù, alle bevande, alla torta, alle decorazioni, alla musica e all’animazione.

Si possono scegliere dei colori o un tema da seguire per l’allestimento, come il bianco, il celeste, il rosa, gli angeli, i fiori, i cuori, ecc.

Si possono anche preparare dei gadget o delle bomboniere da regalare agli invitati, come delle candele, dei magneti, dei portachiavi, dei segnalibri, dei sacchetti di confetti o altri oggetti personalizzati.

Scegliere la location

Come organizzare il battesimo indimenticabile del tuo bambino: guida pratica

Se si vuole rendere il battesimo del proprio bambino ancora più speciale, si può scegliere una location diversa dalla propria parrocchia, purché si abbia il permesso del parroco e del vescovo.

Si può optare per una chiesa storica, artistica o significativa per la propria famiglia, oppure per una chiesa in un luogo suggestivo, come in montagna, al mare o in campagna.

Una location particolare e originale è il Saint Georges Premier, un ristorante di lusso situato nel cuore del parco di Monza. Il Saint Georges Premier offre la possibilità di celebrare il battesimo e di organizzare il ricevimento.

Il Saint Georges Premier è la scelta ideale per chi vuole vivere il battesimo del proprio bambino in un’atmosfera raffinata e prestigiosa, senza rinunciare alla spiritualità e alla tradizione.